Italy: languages, dialects and accents

Italy has been a unified country only in the last 150 years, and has always been a crossroads of peoples and different cultures. The history of this country has led to an extraordinary linguistic richness.

In an imaginary travel across the “Boot”, an Italian student visiting our country would surely be surprised: one just he would only have to go to a different place only a few kilometers away to “taste” accents and dialects completely different from one another.

2000 years ago/in Roman times the Italian peninsula had already witnessed an extraordinary linguistic diversity: just to name a few, its inhabitants used to speak Latin, the language of ancient Rome and of the State, as well as Greek in the Greek colonies of Southern Italy. Plus,in central Italy people spoke Etrurian, whose origin is still uncertain, and many other “italian” languages related to Latin.

Italy-languages-dialects-and-accents-01

On the one hand, Latin was the dominant language and could be found in different forms in all the dialects and accents spoken in the peninsula, but many other factors played a role in the way dialects and languages formed in the course of time. Italy was invaded by many peoples: Germanic tribes from Central Europe in the Middle Ages, Arabs who settled in Sicily and, in more recent times, by Spaniards, French and Austrians.

What mainly contributed to the creation of this linguistic mosaic though was the fragmentation of the Italian territory into different independent States in the course of a millennium (from the Fall of the Roman Empire to the Unification which occurred in 1861). This caused the different languages deriving from Latin – the so called “volgari”– to evolve in a different direction in every region of the country.

Parochialism and Dialects

When Italy was unified, every “borgo” (every village) had its unique way of speaking, with just a few educated people speaking Standard Italian. The language identified the members of a given community while also distinguishing them from those of the neighboring communities. From a merely “physical” point of view, every “borgo” had a “centre” par excellence: the “Piazza” (Central square), with its church and campanile. As a result, a phenomenon called “Campanilismo” developed, meaning that every people attached to its own place of origin, dialect, accent and traditions, no matter the dimension of the place itself.

CampanileSanMarco

The attachment to the local dialects and traditions fostered and supported a relentless linguistic “scattering”. In many areas of the country, up to the generation of our Italian grandparents, the local dialect was the only “linguistic instrument” used in daily life, while Italian – often learned rather approximately – was relegated to formal occasions. In the course of time, compulsory education, migration fluxes and TV shows have given Italy a common language.

Nowadays, the vigor of dialects has waned. Nevertheless, Italians still know their own dialect at least as a passive language, that is, they understand it even when they are not able to speak it. The use of dialect depends on numerous factors. It is best used at home, with friends or acquaintances and it gives way to Standard Italian in more formal situations.

Dialects are mainly spoken in peripheral areas of the country, such as villages or rural areas, while Italian is stronger in urban centers. Furthermore, dialects are much more “alive” in certain regions (Veneto and large swaths of Southern Italy come to mind). Some regions such as Sardinia and Friuli have even established their local dialect as an officially recognized language which is defended by the institutions.

Italian and its dialects have a symbiotic, mutual influence: while Standard Italian is present in every dialect, every dialect keeps influencing the way Italian is spoken in every region.

Italy-languages-dialects-and-accents-02

Classification of dialects and their influence on regional Italian

Dialects can be generally divided into 3 macro-areas: the North the Center and the South. Tuscany, whose spoken language was the seed for standard Italian, is in a category of its own.

Even if each of these 3 macro areas presents a wide linguistic variety within itself, all these differences can be ascribed to common characteristics.

For example, one of the common characteristics of the northern dialects is the inclusion of two forms of the personal pronouns, similar to the way they are used in French. The first is basic form of the personal pronoun and is termed “free form” because it can be used freely in the sentence (like the French pronouns moi, toi, lui, etc.) The second form, termed clitic, must accompany a verb (like the French pronouns je, tu, il, etc.).

Venice dialect French

Iù, el va Lui, il va

This isn’t the case in the southern-central dialects.

Italian Cosenza dialect

Lui va Iddhu va

mappa -ialetti

Certain grammatical characteristics of the various dialects can influence the regional Italian, the nonstandard Italian spoken in a certain city or region. In fact, in informal speech, the construction of the Italian sentences follows word-for-word that of the local dialect. These forms are not considered correct Standard Italian.

Venice dialect Regional italian Standard Italian

I me ga dito su Mi hanno detto su Mi hanno sgridato

Cosenza dialect Regional italian Standard Italian

Trasa a seggia Entra la sedia Porta dentro la sedia

A foreign student might better appreciate the phonetic differences between the various regions. The accents even between neighboring areas can be surprisingly different.

The differences can be noticed in how the letters, both consonants and vowels, are pronounced as well as in the melody of the phrase itself.

One of the most well-known examples is the difference in the pronunciation of the letter s when it occurs between two vowels. In the North, it is usually pronounced /z/, while in the southern-central regions it is pronounced /s/. In Tuscany, however, there is no pattern; one has to learn the pronunciation on a word-by-word basis.

Nord Centro-Sud Toscana

<fuso> /fuzo/ /fuso/ /fuzo/
(part. pass di “fondere”)

<fuso> /fuzo/ /fuso/ /fuso/
(strumento usato per filare)

Some of these phonetic distinctions have become an identifying characteristic of a particular regional accent. Such is the case with the letter s in the rural accent, pronounced /ʃ/ when it is followed by a consonant (other than /t/), or else the Venetian /r/ which has a very characteristic pronunciation.

Accent from Campania

Ho sbattuto un piede contro lo scoglio.

Lo scontrino è nella scatola sotto lo specchio.
Accent from Veneto

Si è rotto il televisore grande che c’era in camera.

L’importante è rimanere sereni, non ti preoccupare.

Italy-languages-dialects-and-accents-03

The Dialect and Accent to Convey Feeling

The dialect is used in place of Standard Italian to express feelings, the very essence of the person and his/her local culture.

Speaking in dialect allows the speaker to more easily convey the concept, to touch the heartstrings of the listener.

A similar role is filled by regional Italian which is, in one way, comprehensible, at times with some difficulty, by all Italian speakers, but carries with it the cultural background of the speaker’s hometown.

YouTube Preview Image

Standard Italian, on the other hand, is used by newscasters, television and radio personalities.

There are certain situations and contexts in which a dialect or regional variation of Italian is indispensable.

If a character walks into a neighborhood cafe and orders a cup of coffee or greets a friend on the street a rehearsed, neutral accent, would seem out of place and would make the character appear cold and unattached.

Many Italians have experienced calling a close friend or family member when there are strangers around. He/she will tend to avoid speaking in dialect, and to soften his/her accent. The person at the other end of the line recognizes instantly that the caller is not free to speak openly.

We can say, then, that under certain circumstances Standard Italian may lack something for the listener, as well as the speaker.

Italy-languages-dialects-and-accents-04

Conclusion

Despite their historic significance, regional accents and, to an even greater degree, dialects are often considered imperfect and less elegant forms of expression.

We tend to forget that the so-called Italian dialects are forms of expression that came from Latin just as Standard Italian and other Romance languages did. The very use of the term dialect in reference to one of the languages spoken in Italy is ambiguous and misleading. The term is actually more appropriate for describing different varieties of the same language (for example British and American English or European and Brazilian Portuguese). Italian dialects, as they are called, are not, in fact, variations of the national language but are true languages in their own rights, not by any means less “perfect” than Standard Italian

We believe that linguistic diversity is a part of our heritage that must be defended and encouraged.

By the way, this should not discourage those who are starting to learn our language. I would advise those who wish to learn Italian to start with the standard variety. This will allow the learner to eventually understand the enormous expressiveness of the various dialects and accents.

Written by Luca Lampariello and Arturo Benvenuto

Arturo-fotoArturo Benvenuto is a language, linguistics and ethnology enthusiast. He has been studying languages since his childhood, his attention aiming at common as well as rare languages. He majored in Asian languages (Japanese in particular) and graduated with honours at Ca’ Foscari University in Venice and at La Sapienza University in Rome. He is also interested in phonetics and African languages, especially Wolof and Swahili. In addition to his passion for languages, he has been conducting on his own a comparative study of cultures, peoples and religions.

Arturo’s webiste: arturobenvenuto.wix.com/ilovelanguages 

Arturo’s FB page: http://www.facebook.com/arkturos

Arturo’s linkedin page: http://it.linkedin.com/in/arturobenvenuto/

Il Bel Paese: lingue, dialetti e accenti

Unificata da poco più di un secolo e mezzo, l’Italia ha da sempre rappresentato un crocevia di popoli e culture diverse. Tale ricchezza si è riflessa anche e soprattutto in una straordinaria varietà dal punto di vista linguistico.

In un immaginario viaggio lungo lo Stivale, lo studente di italiano in visita nel nostro paese resterebbe sicuramente sorpreso: basta spostarsi di pochissimo per poter assaporare accenti e di dialetti molto diversi tra loro.

Italy-languages-dialects-and-accents-05

Già al tempo degli antichi romani la penisola italica era teatro di una straordinaria varietà linguistica: i suoi abitanti parlavano il latino, la lingua di Roma e dello Stato, il greco, nelle colonie greche del meridione della penisola, l’etrusco, lingua dall’origine incerta e ancora oggi non totalmente decifrata, e ancora altre lingue italiche apparentate a latino.

Il latino, la lingua ufficiale, veniva così ad assumere un diverso sapore a seconda della provenienza geografica del parlante. Altri fattori hanno contribuito ad accentuare questa varietà linguistica: le invasioni della penisola da parte di popoli diversi (come i popoli germanici dell’Europa centrale, o ancora gli arabi stanziatisi in Sicilia) e il susseguirsi di varie dominazioni da parte di potenze straniere.

Ciò che forse ha contribuito maggiormente a creare il mosaico linguistico italiano è stata la frammentazione del territorio in piccoli stati indipendenti, durata oltre un millennio (dalla caduta dell’Impero Romano all’unificazione avvenuta nel 1861). Questo ha fatto sì che le parlate popolari derivate dal latino – i cosiddetti volgari – potessero evolversi in maniera quasi indipendente in ciascun angolo del paese.

Il campanilismo e i dialetti

Al momento dell’unificazione, l’Italia poteva vantare una parlata distinta per ciascun borgo. L’italiano era conosciuto e parlato solo da una piccola minoranza istruita della popolazione. Il fattore linguistico rappresentava un elemento di identificazione con il posto di provenienza e, al tempo stesso, un elemento di contrasto con i borghi vicini. Dal punto di vista fisico, ogni agglomerato poteva identificarsi con il centro di riunione per eccellenza: la piazza, con la sua chiesa e il suo campanile. Da qui trae origine il fenomeno italiano del campanilismo, ossia l’attaccamento e la difesa incondizionata del dialetto, dell’accento e delle tradizioni del proprio luogo di origine, piccolo o grande che sia.

CampanileSanMarco

La frammentazione linguistica dell’Italia è stata quindi incoraggiata e sostenuta anche da questo sentimento di attaccamento al proprio dialetto.

In molte zone del paese, ancora fino alla generazione dei nostri nonni, il dialetto era l’unica lingua usata nella vita quotidiana, mentre l’italiano – spesso imparato in maniera approssimativa – rimaneva una lingua utilizzata solo in poche occasioni formali. Nel tempo, l’istruzione obbligatoria, i flussi migratori all’interno del paese e la nascita dei programmi televisivi hanno dato agli italiani una lingua comune nella quale comunicare.

Al giorno d’oggi, i dialetti hanno perso parte del vigore di un tempo. Ciò non toglie che la maggior parte degli italiani conosca il dialetto della propria zona di origine almeno come lingua passiva. L’utilizzo del dialetto dipende da numerosi fattori. Viene ovviamente preferito in occasioni informali (in casa, con gli amici e conoscenti), rispetto a situazioni formali in cui l’italiano è d’obbligo.

Italy-languages-dialects-and-accents-07

È maggiormente parlato nelle aree periferiche rispetto a quelle urbane ed è più vivo in alcune regioni (ad esempio Veneto e regioni meridionali) rispetto ad altre. Regioni come la Sardegna e il Friuli hanno fatto del proprio dialetto una vera e propria lingua legalmente riconosciuta e tutelata dallo Stato.

L’italiano e i suoi dialetti hanno un rapporto mutuo e simbiotico. Se da una parte l’italiano è presente in ogni dialetto, dall’altra ogni dialetto influenza il modo in cui l’italiano viene “vissuto” in ogni angolo dello stivale.

Classificazione dei dialetti e influenza sull’italiano regionale

I dialetti italiani possono essere suddivisi innanzitutto in tre macroaree: il Nord, il Centro e il Sud. La Toscana, dalle cui parlate deriva l’italiano standard, sembra sfuggire a questa classificazione e rappresentare un zona a sè stante.

Queste macroaree presentano una grande differenziazione interna, ma sono comunque identificabili per la presenza di caratteristiche che le differenziano l’una dall’altra.

Ad esempio, una delle caretteristiche comuni ai dialetti settentrionali è la presenza di due forme di pronomi personali, in maniera del tutto simile a quanto avviene in francese. La prima forma è la forma base del pronome personale, ed è detta forma libera perché utilizzabile liberamente nella frase (come nel caso dei pronomi francesi moi, toi, lui, etc.). La seconda forma, detta clitica, accompagna necessariamente il verbo e si usa solo con esso (come nel caso dei pronomi francesi je, tu, il, etc.).

Veneziano Francese

Iù, el va Lui, il va

mappa -ialetti

Questo non avviene in italiano o nei dialetti centro meridionali.

Italiano Cosentino

Lui va Iddhu va

Le particolarità grammaticali dei vari dialetti possono influenzare l’italiano regionale, ossia l’italiano non standard parlato in una particolare regione o città. Accade spesso, infatti, che in contesti informali si ricorra a forme grammaticali che riproducono parola per parola quelle del proprio dialetto. Tali forme non vengono considerate corrette nella lingua standard.

Veneziano Italiano regionale Italiano standard

I me ga dito su Mi hanno detto su Mi hanno sgridato

O ancora:

Cosentino Italiano regionale Italiano standard

Trasa a seggia Entra la sedia Porta dentro la sedia

Lo studente straniero potrà forse apprezzare meglio le differenze fonetiche tra le varie regioni. Le differenze di accento tra le parlate di due centri abitati anche molto vicini possono essere sorprendentemente marcate.

Le differenze consistono sia un diverso modo in cui i suoni – consonanti e vocali – sono articolati, sia in una diversa impostazione della melodia della frase.

Uno degli esempi più conosciuti è la diversa realizzazione della <s> quando questa si trova tra due vocali. Nei dialetti e accenti settentionali, tale suono viene sistematicamente reso come /z/, mentre in quelli centromeridionali come /s/. Nell’area toscana, invece, la realizzazione effettiva del suono non è predicibile, e va imparata parola per parola.

Nord Centro-Sud Toscana

<fuso> /fuzo/ /fuso/ /fuzo/
(part. pass di “fondere”)

<fuso> /fuzo/ /fuso/ /fuso/
(strumento usato per filare)

Alcune di queste paticolarità fonetiche arrivano a diventare un vero e proprio simbolo di un accento regionale: è il caso della <s> nell’accento campano, pronunciata /ʃ/ quando viene a trovarsi immediatamente prima di un’altra consonante (tranne /t/), o ancora della /r/ veneziana, pronunciata in una maniera molto caratteristica.

Accento campano

Ho sbattuto un piede contro lo scoglio.

Lo scontrino è nella scatola sotto lo specchio.
Accento veneto

Si è rotto il televisore grande che c’era in camera.

L’importante è rimanere sereni, non ti preoccupare.

 YouTube Preview Image

Il dialetto e l’accento come veicolo di sentimenti

Soppiantato nell’uso ufficiale dall’italiano, il dialetto è diventato la lingua dei sentimenti, la lingua in cui esprimere la vera essenza della propria persona e della propria cultura locale.

Si parla in dialetto per rendere meglio il concetto, per arrivare a toccare le corde più profonde dell’animo dell’interlocutore.

Un ruolo simile è svolto dall’italiano regionale, che è da un lato comprensibile – a volte con un po’ di difficoltà – da chiunque, ma dall’altro carico di tutto il background culturale del posto di provenienza del parlante.

La televisione, il cinema e il teatro hanno sfruttato pienamente tutte le possibilità offerte dal bagaglio linguistico italiano. Così sono nati personaggi stereotipati che rappresentano questa o quella città, col proprio accento e con tutti i riferimenti culturali che questo implica: il milanese totalmente preso dal proprio lavoro, il napoletano simpatico e burlone, il romano pieno di sé, etc.

Molti attori italiani hanno incentrato la propria espressione artistica sul dialetto o sull’accento. È qui d’obbligo citare il grande Massimo Troisi, col suo tipico accento dell’hinterland napoletano (più precisamente di San Giorgio a Cremano).

YouTube Preview Image

Per il motivo opposto, l’italiano standard è la lingua in cui si esprimono normalmente i presentatori televisivi, i giornalisti della radio e della TV, etc.

Ci sono situazioni e contesti in cui il dialetto o l’italiano regionale diventano indispensabili.

Nel domandare un caffè al bar del proprio paese, nel salutare un amico per strada, un accento neutro – impostato artificialmente – risulterebbe fuori luogo e darebbe un’impressione di freddezza e distacco da parte di chi parla.

A molti italiani sarà capitato di parlare al telefono con un familiare o un amico in presenza di estranei. In questo caso si tende ad evitare di parlare dialetto e a neutralizzare il proprio accento: l’interlocutore capirà immediamente che chi parla non si esprime liberamente.

Si può quindi arrivare a dire che, in contesti particolari, la lingua standard può generare un senso di inadeguatezza, tanto in chi parla quanto in chi ascolta.

Italy-languages-dialects-and-accents-06

Conclusione

Nonostante la loro importanza storica, gli accenti regionali e – ancor di più – i dialetti sono spesso considerati delle forme espressive imperfette e poco eleganti.

Si tende a dimenticare che i cosidetti dialetti italiani sono forme espressive che derivano dal latino al pari dell’italiano e delle altre lingue romanze. L’uso del termine dialetto in riferimento alla realtà linguistica italiana è ambiguo e fuorviante: tale termine è infatti più appropriato per indicare varietà diverse della stessa lingua (ad esempio inglese britannico e statunitense, portoghese europeo e brasiliano, etc.). Quelli che in Italia vengono chiamati dialetti, invece, non sono varietà diverse della stessa lingua nazionale, bensì vere e proprie lingue a sé stanti, in nessun modo meno “perfette” dell’italiano.

Riteniamo che la varietà linguistica del nostro paese sia un patrimonio da difendere e da promuovere.

Inoltre, essa non deve scoraggiare chi si accinge a studiare la nostra lingua. Allo studente straniero consigliamo di apprendere innanzitutto l’italiano standard: questo gli permetterà in seguito di apprezzare l’enorme espressività dei vari dialetti e accenti.

 Scritto da Luca Lampariello e Arturo Benvenuto

Arturo-fotoArturo Benvenuto è un appassionato di lingue, linguistica ed etnologia. Si è dedicato sin da piccolo allo studio di lingue più e meno comuni, tra cui il giapponese e il cinese. Si è laureato in lingue orientali presso la Ca’ Foscari di Venezia e La Sapienza di Roma e si interessa di fonetica e lingue africane, in particolare wolof e swahili. Alla sua passione per le lingue si affianca anche lo studio comparato di culture, popoli e religioni.

Arturo’s webiste: arturobenvenuto.wix.com/ilovelanguages 

Arturo’s FB page: http://www.facebook.com/arkturos

Arturo’s linkedin page: http://it.linkedin.com/in/arturobenvenuto/

 

Audio files of this post in English and Italian:

Related posts: